Select Page

Le energie del terreno ti insegnano ad osservare la natura: potrà orientarci sulla qualità del terreno o della casa che intendiamo abitare.

La vita è energia! Ippocrate già nella sua epoca, metteva in risalto la relazione fra l’uomo, la sua abitazione e l’ambiente.

Numerosi disturbi detti dalla medicina moderna “psicosomatici”, possono derivare in realtà da anomalie elettromagnetiche, radiazioni emanate dal terreno o corsi d’acqua sotterranei.

Vedi ad esempio mal di testa, palpitazioni, sudori notturni anomali stati di angoscia, depressione, insonnia, stanchezza cronica, asma, disturbi nervosi, aggressività ecc…

Allora come facciamo a “liberarcene”?

Prima di tutto bisogna accorgercene ed essere istruiti e coscienti di ciò che abbiamo intorno o che succede attorno a noi, il che comprende dormire in una camera equilibrata e con energia positiva.

In secondo luogo possiamo andare ad agire sulle energie negative cercando di purificare gli ambienti .

Se invece pensiamo che la situazione sia consistente, possiamo rivolgerci a degli specialisti di geobiologia.

ENERGIE DEL TERRENO: ANIMALI

Ci sono tantissimi detti e superstizioni legate al mondo felino, gatti neri, gatti bianchi, portano bene, portano male, vero è che gli animali in generale sono molto legati alle energie del terreno ed osservandoli si possono capire molte cose.

Parlando di gatti ad esempio, sono animali “lunari” e preferiscono dormire in punti della casa negativi per un essere umano.

Il pelo del gatto ha la proprietà di riequilibrare la zona perturbata emettendo microonde, che peraltro sono favorevoli al trattamento dei reumatismi, perciò sotto ad accarezzarlo se avete di questi problemi, ma NON DORMITE nei punti del letto o del divano che lui predilige!

Il cane , al contrario, è un animale “solare”: preferisce punti positivi, teme la nocività e si rifiuta di stare in posti perturbati.

Se legato in un posto  con onde negative, non potendosi allontanare diventa nervoso, aggressivo e ringhioso.

Sono stati osservati anche i topi: 25000 esemplari in 12 anni.

Quelli che venivano collocati sulla verticale di un corso d’acqua sotterraneo patogeno si mostravano agitati, mordicchiavano le gabbie e in certi casi hanno sviluppato il cancro.

Riposizionati in una zona neutra, non patogena ritrovavano la calma.

Mucche e cavalli sono sensibilissimi alle energie del terreno grazie alle loro lunghe zampe che fungono da antenne. Se messi in un box sbagliato si innervosiscono, dimagriscono e a volte possono presentare dermatosi.

LE PIANTE

Ebbene si, anche le piante sono indicatrici delle energie del terreno!

La natura ci fornisce informazioni preziose, ad esempio in un frutteto: la maggior parte degli alberi crescono verticalmente, al contrario, alcuni risultano inclinati senza che si possa dare la colpa  al vento o ad altri fattori, perciò si può supporre che possa essere la zona ad essere patogena.

Per evitare queste energie del terreno aggressive, l’albero si difende in vari modi: crescendo lateralmente, diviso, con lati senza vegetazione, corteccia molto più spessa a protezione di quella parte della pianta o reagisce creando escrescenze sul tronco simili a tumori.